Stile italiano su misura per i serramenti dell’Hotel Café Royal di Londra

CARONNO PERTUSELLA – Chiude il 2013 con un fatturato in crescita del 5% a 3 milioni di euro e punta con prospettive eccellenti ai mercati esteri: la Fratelli Bergamaschi, piccola azienda familiare con una quarantina di addetti, specializzata nella progettazione e produzione di serramenti su misura in legno e legno-alluminio, guarda con soddisfazione ai suoi novant’anni di storia, sempre vissuta sui principi etici che ne hanno improntato l’origine: «Mio nonno Egidio ha cominciato a mettere in pratica il Vangelo in famiglia e nel suo lavoro di tornitore del legno. Da allora, il punto di forza della nostra impresa, giunta alla quarta generazione, è sempre stato quello di dare a tutti la possibilità di esprimersi nel lavoro, senza lasciare mai indietro o a casa nessuno. Per noi crescere vuol dire occuparsi degli uomini, non dello spread». Lo racconta il nipote del fondatore, Giovanni Bergamaschi, direttore commerciale e socio con i fratelli Renato, Emanuela e Gabriele dell’azienda varesina, che neanche la drammatica crisi dell’edilizia e il conseguente calo del fatturato hanno fatto vacillare. Tanto che sono già state poste le basi per lo sviluppo dell’attività su importanti piazze estere – da Londra a New York, fino alla Russia e al Medio Oriente – dove la competenza tecnica, la maestria artigianale e la creatività dello staff progettuale riescono a soddisfare la domanda di architetti di grido e delle principali società costruttrici. Tra le commesse più recenti figurano la realizzazione (insieme a Poliform) dei serramenti per l’Hotel Café Royal di Londra, progettato dall’architetto David Chipperfield. Come è stato possibile affrontare e superare la recessione? «Avendo compreso che il settore dei serramenti standard stava crollando insieme al mercato edile, eravamo a un bivio: ridurre i costi, quindi licenziare, oppure ingegnarci a trovare una nuova possibilità di sviluppo. Così abbiamo introdotto il concetto del “su misura”, investendo in nuovi macchinari e puntando proprio sulle abilità dei nostri addetti nella lavorazione del legno». Con un’attenzione speciale alla sostenibilità ambientale, perché la Fratelli Bergamaschi utilizza solo legnami provenienti da foreste gestite secondo i rigorosi standard del Forest Stewardship Council,  e trattamenti superficiali atossici ad acqua o ad olio.

Previous Story

Dal vicentino le magie meccatroniche per le più belle fontane del mondo

Next Story

FONDAZIONE EDISON: export +5,2% a fine 2013 per i distretti manifatturieri italiani

Latest from Mercati esteri