Una joint venture per l’efficientamento energetico degli ospedali israeliani

MILANO – Prima Vera SpA, azienda italiana leader nei servizi di global service, e Tadiran Group, società quotata alla Borsa di Tel Aviv, hanno costituito una joint venture per partecipare alla gara internazionale per la gestione e l’efficientamento energetico di undici ospedali governativi nello Stato d’Israele. Tadiran e Prima Vera SpA, unica azienda italiana a essere stata invitata alla gara, si confronteranno con altri tre raggruppamenti internazionali per aggiudicarsi un contratto da circa 680 milioni di euro distribuiti nell’arco di 17 anni. L’obiettivo del tender avviato dal ministero della Sanità del governo israeliano è di tagliare i consumi energetici delle proprie strutture sanitarie. «Tadiran ci ha scelti come partner tecnologici, per le nostre competenze e l’elevato livello di specializzazione nell’ottimizzazione del fabbisogno energetico», spiega Domenico Catanese, presidente di Prima Vera SpA. «Il cuore della soluzione che utilizzeremo nasce all’interno del nostro centro di ricerca e sviluppo e si basa su un modello di calcolo predittivo dei consumi». Per Prima Vera SpA (300 addetti, 100 milioni di euro di fatturato in crescita), la joint venture con Tadiran segna anche il primo passo del processo d’internazionalizzazione dell’azienda. «La prossima tappa – conclude Catanese – sarà nel mercato russo e nella seconda metà dell’anno punteremo al mercato nord americano, sempre con l’obiettivo dell’efficientamento energetico, guardando non solo alla sanità ma anche alle grandi catene alberghiere».

Previous Story

Vale 235 milioni l’export del distretto altoatesino delle tecnologie per la neve

Next Story

Verso Turchia e Thailandia si espande il business dei sistemi laser vicentini

Latest from Mercati esteri