BERS: sale a 16 miliardi l’interscambio lombardo con Nordafrica e Medioriente

Oltre 16 miliardi di euro: è questo il valore dell’interscambio lombardo con i Paesi mediterranei del Nord Africa e del Medio Oriente nel 2012. Un interscambio trainato dalle esportazioni, oltre 9,2 miliardi, che crescono del 7,4% a fronte di un -8,3% registrato per l’import. Se Milano è prima per scambi (43% dell’import-export regionale), sul podio salgono anche Pavia (23,5% lombardo) e Mantova (19,1%) per import, Brescia (12,9%) e Varese (12,2%) per export. E sono quasi 19mila gli imprenditori attivi in Lombardia e nati tra Tunisia, Egitto, Marocco e Giordania, in crescita del 5,7% in un anno. Emerge da un’elaborazione Camera di commercio di Milano su dati Istat relativi agli anni 2012 e 2011 e su dati del registro imprese al primo trimestre 2013 e 2012. Di opportunità di investimento nel sud est Mediterraneo per le imprese lombarde si è parlato in occasione di un incontro organizzato a Milano dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers), insieme a Promos – Camera di commercio di Milano, in collaborazione con Assolombarda e Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi). Il focus ha riguardato quattro mercati: tra i maggiori Paesi dell’area mediterranea, Tunisia (1,2 miliardi), Egitto (1,2 miliardi), Marocco (0,4 miliardi) e Giordania (0,1 miliardi) pesano complessivamente circa un sesto dell’interscambio totale lombardo verso Africa settentrionale e Medio Oriente. Milano (900 milioni), Brescia (200 milioni) e Bergamo (200 milioni) le province che esportano di più. I prodotti manifatturieri le principali merci esportate (99% del totale), in particolare macchinari (21,9%) e sostanze e prodotti chimici (16,4%) mentre importiamo soprattutto prodotti del settore tessile ed abbigliamento (43,2% dell’import manifatturiero) e metalli base e prodotti in metallo (10%). E sono quasi 19mila gli imprenditori attivi in Lombardia e nati tra Tunisia, Egitto, Marocco e Giordania, in crescita del 5,7% in un anno. Sono soprattutto egiziani (8.245 piccoli imprenditori, +7,6% tra 2012 e 2013) e marocchini (7.870, +5,3%). Oltre 2.400 gli imprenditori tunisini mentre sono ancora pochi quelli provenienti dalla Giordania, meno di un centinaio. Quasi un imprenditore su due (45% considerando i quattro Paesi, con punte del 62% per gli egiziani) opera nella provincia di Milano, circa uno su undici a Bergamo (9%) e Brescia (8,9%).

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Previous Story

Il sorprendente caso della banca che aiuta lo start up di nuove imprese

Next Story

L’automazione industriale tira anche in tempo di crisi e raddoppia il fatturato

Latest from Ufficio studi