Vitavigor: qualità e originalità nel menu del successo

//

MILANO – Guardare avanti, anzi oltreoceano per continuare a crescere senza dimenticare l’importanza delle proprie radici: questa è la filosofia di Vitavigor, azienda meneghina conosciuta in tutto il mondo per i “Super Grissin de Milan”, che guarda al futuro, lavorando su innovazione e originalità. Le prime indicazioni positive giungono dal fatturato che, al termine del 2021, sfiora i 5 milioni (+7% rispetto al 2020) con un +5% dal mercato italiano e +11% dall’estero. Restando in ottica export, la crescita maggiore per volume di prodotto si è verificata negli Stati Uniti con una crescita del 346%, seguita da Spagna (+40%) e Francia (+22%).Per quanto riguarda il Bel Paese, invece, si registra la crescita, anche se lenta, dell’horeca, seguita da un incremento più che ottimale della gdo grazie, in particolar modo, alla distribuzione dei prodotti in regioni oltre il solito raggio d’azione come il Veneto. A livello di referenze all’interno dei confini nazionali, cresce la linea dei grissini Hospitality Fashion. A tal proposito, sono le nuove referenze della linea di snack Vitapop Appena lanciata a registrare un incremento totale pari al 70%. Mentre i minicracker Vitafitregistrano una crescita del 15%. A livello globale, invece, emerge un +10%, in termini di produzione dei prodotti a marchio e un incremento del 4% per quelli realizzati per conto di terzi. «Nonostante l’incertezza che regna per via del tragico conflitto in corso, che sta portando alle stelle il prezzo delle materie prime e mettendo in crisi i fornitori, vogliamo proseguire nel percorso di crescita, continuando ad investire anche in ottica adv e pubblicità. Inoltre, sarà di fondamentale importanza la partecipazione ai più grandi eventi del nostro settore: grazie a questi, è possibile ricominciare a fare networking e, di conseguenza, ampliare il bacino di clienti e buyer», afferma Federica Bigiogera, marketing manager di Vitavigor. Entrando più nel dettaglio in merito agli effetti del conflitto tra Russia e Ucraina, si registra un aumento considerevole del valore di prodotti come la farina di grano tenero (+48% da febbraio e +133% sul 2020). Sulla stessa lunghezza d’onda si dimostra anche l’olio con un incremento di prezzo pari al 24% rispetto al periodo pre-conflitto e del 74% sul 2020.

Previous Story

Finanziamento “green” per la crescita di EuroGroup

Next Story

Torneria Colombo inaugura l’Accademia Meccanica

Latest from Percorsi d'eccellenza